Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Pietro Panei
Sei in:
 I contenuti più aggiornati

1allegato

Convegno. Diagnosi sindromica strumentale e funzionale (ICF 2001) nell'Autismo e nei Disturbi Evolutivi Globali in età evolutiva. Aula Fondazione Ca.Ri.Civ, via Risorgimento 8/12, Civitavecchia, Roma

L'Autismo individuato dagli studi di H. Asperger (1938) e L. Kanner (1943) oggi inquadrato nella classificazione di Disturbo dello Spettro Autistico (DSM V), è un disturbo neuropsichiatrico che interessa una atipica organizzazione di diverse aree cerebrali e comportamentali di diversa gravità che riguardano la riduzione dell'integrazione socio-relazionale, della comunicazione, etc.
Questo disturbo è stato per lungo tempo misconosciuto dal punto di vista diagnostico e terapeutico. E' merito degli studi epidemiologici internazionali aver evidenziato come questo disturbo riguarda prevalenze dell'1% in tutte le fasce di età. Nel nostro Paese abbiamo percentuali più basse determinate dai cronici ritardi del Sistema Sanitario nel porre diagnosi tempestive. Difatti la diagnosi precoce...

Pubblicato il 18-07-2014 in Appuntamenti , aggiornato al 21-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Bisogni e realtà dei bambini con ADHD

Simon Wessely nuovo presidente del Royal College of Psychiatrist, ha espresso la sua preoccupazione circa l’eccessiva medicalizzazione dei bambini. In una intervista a The Times, Wessely ricorda come “la medicalizzazione spesso non è opera dei medici…attualmente assistiamo ad una enorme crescita della pressione per etichettare (i bambini)… c’è un evidente pressione da parte dei genitori (alla medicalizzazione) mentre la psichiatria è contro la medicalizzazione della normalità”. In particolare in relazione con l’ADHD Wessely osserva “lo stesso col Ritalin, è sopra prescritto in assoluto ma viene anche sotto utilizzato da chi ne avrebbe realmente bisogno perché non ci sono servizi efficienti in numero adeguato”.
Il 30...

Pubblicato il 12-07-2014 in In rilievo , aggiornato al 15-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Farmaci per l'ADHD e rischio cardiovascolare

Inattenzione, iperattività e impulsività sono comportamenti che caratterizzano l’ADHD e che possono rendere difficile ai bambini apprendimento e socializzazione. I farmaci stimolanti vengono prescritti per il loro controllo.
Secondo una ricerca condotta in Danimarca medicinali come Ritalin e Concerta sembra che raddoppino le probabilità di complicanze cardiache con aumento di pressione arteriosa e ritmo cardiaco, tuttavia “ritenuti benigni e insignificanti da un punto di vista clinico” ricorda il dr. Andrew Adesman presidente del Cohen Children’s Medical Center, struttura clinica che si occupa di comportamento e sviluppo del bambino, con sede a New York.
Comunque “il rischio di effetti collaterali...

Pubblicato il 03-07-2014 in In rilievo , aggiornato al 15-07-2014 Leggi...

Condividi: 

La gestione dell'autismo in Francia causa di gravi polemiche

Nonostante il Ministro della Salute abbia revisionato il piano di trattamento, su Lancet Psychiatry le polemiche e le critiche a cui la Francia recentemente ha dovuto far fronte provenienti dal Consiglio d’Europa per il suo atteggiamento discriminatorio nei confronti dell’autismo. Alcuni gruppi per i diritti civili hanno definito uno scandalo le modalità di trattamento che l’amministrazione francese riserva alle persone autistiche denunciando come il piano governativo non progredisca anche per il continuo uso della psicoanalisi. Lancet Psychiatry - Luglio 2014

Pubblicato il 02-07-2014 in In rilievo , aggiornato al 11-07-2014 Leggi...

Condividi: 

1allegato

Newsletter ADHD Giugno 2014

Pubblicato il 02-06-2014 in Letteratura scientifica , aggiornato al 08-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home