Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Aldina Venerosi
Sei in:
Approfondimenti
Vedi l'elenco dei contenuti

10allegati

2 APRILE, GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL'AUTISMO - I disturbi dello spettro autistico, dalla diagnosi precoce alla vita adulta. Roma, Sala della Protomoteca in Campidoglio 2 aprile 2014

 I disturbi dello spettro autistico (ASD), caratterizzati da una grave compromissione delle relazioni sociali, perseverazione e deficit di comunicazione, rappresentano un disturbo pervasivo dello sviluppo con una prevalenza riportata in stime che vanno da 1/150 a 1/88. L’eziologia dell’ASD è tutt’oggi in gran parte sconosciuta e, benché vi sia una significativa componente genetica di questo insieme di patologie, alcuni fattori ambientali (infezioni materne, deficit immunitari, esposizione in fase neonatale ad agenti neurotossici) potrebbero rivestire un ruolo predisponente allo sviluppo della patologia. Nell’ultimo decennio i dati epidemiologici hanno indicato un significativo aumento dei casi di ASD, in parte dovuto a una migliore definizione dei criteri diagnostici e a una...

Pubblicato il 31-03-2014 in Approfondimenti , aggiornato al 17-02-2015 Leggi...

Condividi: 

Considerazioni sulle misure di frequenza dei Disturbi dello Spettro Autistico

 a cura di Flavia Chiarotti, Gemma Calamandrei, Antonella Gigantesco, Angelo Picardi, Stefania Salmaso, Maria Luisa Scattoni, Nicola Vanacore, Aldina Venerosi

I disturbi dello spettro autistico sono inclusi nella categoria dei disturbi pervasivi dello sviluppo (DPS) nelle classificazioni DSM-IV e ICD-10, non identiche ma abbastanza sovrapponibili.
Negli ultimi anni si è assistito a un incremento delle stime di prevalenza di tali disturbi, così marcato da aver fatto parlare di una sorta di “epidemia di autismo”. La questione è in realtà molto complessa, e nell’accostarsi a questo tema è necessario considerare alcuni punti.
In primo luogo, è improprio parlare semplicemente di “autismo”, in quanto nell’ambito dei DPS sono incluse patologie alquanto...

Pubblicato il 06-02-2011 in Approfondimenti , aggiornato al 16-04-2013 Leggi...

Condividi: 

Le basi neurobiologiche dell'autismo

 Le basi neurobiologiche dell’autismo

La ricerca neuropsicologica tenta di spiegare il peculiare funzionamento della mente “autistica” attraverso lo studio delle competenze cognitive, sociali e emozionali dei soggetti con autismo, mentre altre linee di ricerca analizzano il funzionamento del cervello alla ricerca delle possibili basi neurobiologiche della sindrome, adottando varie tecniche di indagine come le tecniche di neuro-immagine, l’indagine neuro-funzionale e neuro-trasmettitoriale per ricondurre i sintomi comportamentali a una base neurofisiologica [1]. Sulla base di queste ricerche fino ad oggi è impossibile evidenziare alterazioni morfologiche e biochimiche comuni ai diversi disturbi dello spettro, tuttavia vengono proposte molte teorie patogenetiche che...

Pubblicato il 02-02-2011 in Approfondimenti , aggiornato al 19-05-2011 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]