Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT) EN
   Responsabile: Domenica Taruscio
Sei in:
Attività di ricerca

Incontri di Parent Training nella Sindrome di Prader-Willi



Progetto

Realizzazione di un intervento psicoeducativo, attraverso la metodologia del “parent-training”, nella Sindrome di Prader Willi (SPW).
Per “parent training” si intende “attività di formazione dei genitori” rivolta ad una coppia o ad un gruppo di genitori che hanno in comune l’esperienza di un figlio con una particolare caratteristica o difficoltà. Generalmente il parent training di gruppo si rivolge a tutti i caregiver del bambino, sia familiari (es. zii, nonni, ecc…) sia extrafamiliari (es. insegnanti ed altri operatori) coinvolti nella gestione quotidiana della relazione con il bambino. È caratterizzato dallo scambio reciproco fra partecipanti che condividono esperienze personali e possono identificare soluzioni operative alle difficoltà quotidiane, da un punto di vista “non professionale”.


Il corso

Nell’ambito di parent training, il Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con la ”Federazione fra le Associazioni per l’aiuto ai soggetti con SPW”, ha organizzato un corso di formazione rivolto ai genitori di bambini con SPW.
Il corso, che si articola in 6 incontri, si propone di sviluppare modelli d’intervento psicoeducativo familiare per i genitori di figli con SPW, attraverso la metodologia di “parent training”. Il corso ha l’obiettivo di incrementare delle abilità genitoriali nel gestire i problemi che quotidianamente affrontano i genitori di figli con SPW.


Obiettivo generale

Sviluppare modelli d’intervento psicoeducativo familiare per i genitori di figli con SPW, attraverso la metodologia di “parent training”.


Obiettivi specifici

L’intervento psicoeducativo di parent training si pone i seguenti obbiettivi:

  • rilevare i bisogni formativi dei genitori
  • incrementare le abilità genitoriali nella gestione della vita dei propri figli
  • aumentare le capacità di osservazione e analisi dei problemi (educativi, comunicativi, comportamentali) dei propri figli
  • arricchire le opportunità di comprensione dei problemi da parte dei genitori attraverso un confronto con altri che vivono le stesse difficoltà
  • migliorare la collaborazione fra genitori e operatori
  • aumentare delle competenze degli operatori nel lavoro quotidiano con i genitori e nella gestione dei gruppi
  • aumentare le conoscenze teoriche da parte dei genitori
  • fornire un supporto emotivo-empatico ai genitori



Allegati

Pubblicato il 26-10-2014 in Attività di ricerca , aggiornato al 03-11-2014

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]