Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Alessandro Polichetti
Sei in:
Notizie

Aggiornamento del promemoria dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sui telefoni cellulari.

Dopo la classificazione nel gruppo 2B dei campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde da parte della IARC, l'Organizzazione Mondiale della Sanità aggiorna il suo promemoria sui telefoni cellulari.

Secondo l'OMS, mentre un aumentato rischio di tumori del cervello non è stato accertato, l’utilizzo crescente di telefoni mobili, nonché la carenza di dati su durate d’uso dei telefoni mobili superiori ai 15 anni, giustificano ulteriori ricerche in questo ambito.

In particolare, a causa della recente popolarità dei telefoni cellulari nei soggetti più giovani, cui corrisponde un esposizione lungo l’arco della vita potenzialmente più lungo, l’OMS ha promosso ulteriori ricerche sui possibili effetti sanitari nei bambini e negli adolescenti.

Oltre ad esprimere la necessità di ulteriori ricerche, l’OMS non ha ritenuto di indicare possibili revisioni degli attuali standard di protezione (che attualmente si riferiscono unicamente agli effetti noti dei campi elettromagnetici a radiofrequenza, di natura termica), né ha indicato la necessità di adottare specifiche misure di limitazione delle esposizioni connesse all’utilizzo di telefoni cellulari, neanche a titolo precauzionale.

Pubblicato il 06-03-2012 in Notizie , aggiornato al 12-06-2012

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]