Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Giovanni Rezza
Sei in:
 I contenuti più aggiornati

Chi siamo

Trattasi di una grande area interdisciplinare che oltre agli specifici compiti di sorveglianza ed intervento per le emergenze infettivologiche, con speciale riferimento all'AIDS, alle virosi respiratorie ed alle infezioni sessualmente trasmesse, vuole portare contributi fondamentali nella costruzione ed implementazione delle metodologie di ricerca di epidemiologia molecolare e della filogenesi microbica. A questa'area appartiene la Scuola di epidemiologia Molecolare e bioinformatica avanzata.

Pubblicato il 04-03-2013 in Chi siamo , aggiornato al 04-03-2013 Leggi...

Condividi: 

Virosi respiratorie

Le infezioni respiratorie acute, di origine virale o batterica, rappresentano la principale causa infettiva di morte nel mondo. Tra le infezioni virali, l'influenza è certamente la più importante in termini di morbidità, ma non si può sottovalutare il ruolo di altri agenti patogeni, dagli adenovirus ai virus parainfluenzali, etc. La recente epidemia di SARS (sindrome acuta respiratoria grave), causata da un nuovo coronavirus umano, e il ripetersi di episodi sporadici di trasmissione di virus dell'influenza aviaria (H5N1, H7N7, etc.) direttamente dai volatili all'uomo, congiuntamente alla segnalazione di almeno un caso di probabile trasmissione inter-umana del virus dell'influenza aviaria H5N1, evidenziano l'importanza del fenomeno costituito dalle infezioni emergenti. Dal punto di...

Pubblicato il 04-03-2013 in Virosi respiratorie , aggiornato al 04-03-2013 Leggi...

Condividi: 

Epatiti virali

Le epatiti virali costituiscono un importante problema sanitario in tutto il mondo. Le conoscenze sull'incidenza e distribuzione geografica, fattori di rischio, meccanismi di trasmissione e patologie associate hanno avuto un considerevole incremento negli ultimi 10-15 anni conseguentemente alla caratterizzazione strutturale e biologica degli agenti eziologici virali. Lo sviluppo delle conoscenze a livello molecolare e sulla variabilità virale hanno dato un contributo cruciale. I virus dell'epatite appartengono a famiglie virali differenti, presentano diversi meccanismi di trasmissione, hanno in comune la caratteristica di spiccato epatotropismo, ma sono associati a diverse evoluzioni della malattia epatica acuta. Sulla base dei diversi meccanismi di trasmissione si distinguono due...

Pubblicato il 04-03-2013 in Epatiti virali , aggiornato al 04-03-2013 Leggi...

Condividi: 

I vettori d'infezione

Sebbene l'associazione tra presenza di insetti e malattie fosse noto da migliaia di anni, solo all'inizio del secolo scorso è stato scoperto il ruolo vettore di artropodi ematofagi nella trasmissione di importanti parassitosi quali la filariosi e la malaria. Quindi solo recentemente, alla luce di queste importanti acquisizioni scientifiche, sono stati studiati sia in laboratorio che sul campo i cicli di trasmissione delle tante infezioni virali, batteriche e parassitarie trasmesse da vettori. I risultati ottenuti hanno consentito di capire i complessi aspetti epidemiologici e mettere a punto strategie di prevenzione e di controllo. Le ben note modificazioni ecologiche e climatiche influenzano continuamente la biologia dei vettori e quindi la distribuzione delle malattie ad essi legate,...

Pubblicato il 04-03-2013 in I vettori d'infezione , aggiornato al 04-03-2013 Leggi...

Condividi: 

Infezioni ospedaliere

Le infezioni ospedaliere (IO) costituiscono una grande sfida ai sistemi di salute pubblica, perché sono un insieme piuttosto eterogeneo di condizioni diverse sotto il profilo microbiologico, fisiologico ed epidemiologico che hanno un elevato impatto sui costi sanitari e sono indicatori della qualità del servizio offerto ai pazienti ricoverati.

Causate da microrganismi opportunistici presenti nell’ambiente, che solitamente non danno luogo a infezioni, le IO insorgono frequentemente in pazienti immunocompromessi durante il ricovero e la degenza o, in qualche caso, anche dopo la dimissione del paziente e possono avere diverso grado di gravità, fino ad essere letali. Le IO possono interessare anche gli operatori sanitari che lavorano a contatto con i pazienti, e quindi misure...

Pubblicato il 04-03-2013 in Infezioni ospedaliere , aggiornato al 04-03-2013 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]