Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Stefano Vella
Sei in:
 I contenuti più aggiornati

Il 28 luglio Giornata Mondiale per l’Epatite

L’epatite virale è una delle emergenze sanitarie globali che colpisce nel mondo quasi 400mln di persone. Tre i tipi di epatite: A, B e C.
L’epatite A che si genera dall’ingestione di cibo e acqua contaminati o attraverso il contatto diretto con persona infetta, è malattia del fegato causata dal virus A dell’epatite, è fonte di malattia da leggera a grave, non cronica. Globalmente sono 1.4 mln i casi di epatite A. Mentre l’epatite A si verifica più comunemente nei Paesi dove c’è carenza d’acqua pulita e di servizi igienici, negli Stati Uniti è presente epatite A trasmessa dagli alimenti. La contaminazione del cibo può avvenire in qualsiasi momento dello sviluppo, nella raccolta e nella lavorazione, nel...

Pubblicato il 28-07-2014 in Osservatorio , aggiornato al 28-07-2014 Leggi...

Condividi: 

I CDC di Atlanta minimizzano il pericolo Ebola per gli Stati Uniti

Mentre nell’Africa Occidentale il virus Ebola continua a mietere vittime, gli osservatori dei CDC and Prevention di Atlanta tendono a minimizzare e a tranquillizzare l’opinione pubblica americana definendo l’epidemia africana a “basso rischio infettivo per gli Stati Uniti”.
Stephan Monroe direttore del National Center for Emerging & Zoonotic Infectious Diseases ai Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, spiega come Ebola si diffonda solo col contatto fisico con parti infette e che non si può trasmettere senza che non si mostrino i sintomi. Il fatto che molti voli tra l’Africa Occidentale e gli Stati Uniti...

Pubblicato il 28-07-2014 in Osservatorio , aggiornato al 30-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Infiammazione muscolare e rischio cardiovascolare

Tra gli anziani la polimialgia reumatica è una delle condizioni reumatiche più comuni, un disordine infiammatorio muscolare causa di dolore e rigidità articolare comune tra gli anziani che può aumentare il rischio di crisi cardiache, e di altri eventi vascolari come angina, aterosclerosi e ictus. Questo rischio è valutato maggiore tra i più giovani (50-59 anni) della fascia d’età anziana.
Così come per altre forme di artrite infiammatoria, i pazienti con polimialgia reumatica dovrebbero identificare, gestire e ridurre attivamente i loro fattori di rischio vascolari. Lo studio britannico che per identificare questi pazienti nel periodo 1987-1999, si è avvalso del General Practice Research Database e del modello di regressione di Cox, è stato pubblicato su...

Pubblicato il 28-07-2014 in Osservatorio , aggiornato al 31-07-2014 Leggi...

Condividi: 

La terapia per la coinfezione HIV/HCV

Negli Stati Uniti sono oltre 300mila le persone con coinfezione epatite C / HIV, mentre a livello globale questo tipo di pazienti sarebbero tra i 4 e gli 8 milioni: per il controllo della coinfezione i risultati della ricerca sottolineano l’uso della terapia antiretrovirale.
Secondo il dr. Kenneth Sherman, professore di medicina alla University of Cincinnati College of Medicine “la terapia per l’HIV precoce e continua è parte importante nella prevenzione della malattia epatica, e quindi anche nella coinfezione HCV/HIV". I risultati dello studio sono stati pubblicati il 23 luglio su Science Translational Medicine. HealthDay - 23 luglio 2014

Pubblicato il 23-07-2014 in Osservatorio , aggiornato al 30-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Antipsicotici e volume cerebrale dei pazienti schizofrenici

Nello studio pubblicato online il 18 luglio su PLoS One, Longitudinal Changes in Total Brain Volume in Schizophrenia: Relation to Symptom Severity, Cognition and Antipsychotic Medication, negli schizofrenici i farmaci antipsicotici provocano la leggera diminuzione delle cellule neuronali e delle connessioni, una perdita di volume che pare non peggiori sintomi o funzioni mentali e che risulta nelle aree del lobo temporale e in quella periventricolare. “La contrazione non sembra provocare ripercussioni sui pazienti che è bene, comunque, non interrompano, sulle basi di questa ricerca, l’assunzione dei medicinali” sostiene l’autore dello studio il dr. Graham K. Murray del Behavioral and...

Pubblicato il 18-07-2014 in Osservatorio , aggiornato al 28-07-2014 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home