Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Mirella Taranto
Sei in:
 I contenuti più aggiornati

La sentenza di Bologna in accordo con le evidenze scientifiche di Walter Ricciardi

ISS 3/3/2015

La Corte d’Appello di Bologna ha stabilito che non è stata la vaccinazione a causare la malattia autistica di cui un bambino si è ammalato. C’è voluta una sentenza dello Stato italiano per ribadire un dato acquisito da tempo nella comunità scientifica e cioè che non c’è correlazione tra vaccinazione e autismo. L’Istituto Superiore di Sanità si era espresso già nel merito sottolineando come non ci fosse nessuna evidenza in grado di stabilire un nesso di causalità tra la vaccinazione e la malattia autistica. L’ultima e più recente ricerca pubblicata sul Journal of Pediatrics nel marzo del 2013 andava in questa direzione, così come i dati forniti dai CDC di Atlanta e da tutti le ricerche finora effettuate.

Eppure c’è stato...

Pubblicato il 03-03-2015 in Primo Piano , aggiornato al 06-03-2015 Leggi...

Condividi: 

COMUNICATO STAMPA n° 2/2015 - Mortalità materna: nasce la prima rete di sorveglianza attiva. L’Italia in linea con l’Europa: 10 decessi ogni centomila nati vivi

ISS 5 Marzo 2015

In Campania i livelli più alti di mortalità, in Toscana i più bassi
Entro il 2015 una Linea Guida dell’ISS per l’emorragia post-partum


In Italia la mortalità materna resta un evento raro. In base a un progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità in sei regionie presentato oggi al convegno "La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future", è emerso che i certificati di morte dell’Istat sono in grado di rilevare solo il 41% dei casi. Il progetto è stato condotto in sei regioni: Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia utilizzando due metodologie distinte: da una parte incrociando...

Pubblicato il 04-03-2015 in Comunicati stampa , aggiornato al 05-03-2015 Leggi...

Condividi: 

COMUNICATO STAMPA n° 2/2015 - Mortalità materna: nasce la prima rete di sorveglianza attiva. L’Italia in linea con l’Europa: 10 decessi ogni centomila nati vivi

ISS 5 Marzo 2015

In Campania i livelli più alti di mortalità, in Toscana i più bassi
Entro il 2015 una Linea Guida dell’ISS per l’emorragia post-partum


In Italia la mortalità materna resta un evento raro. In base a un progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità in sei regionie presentato oggi al convegno "La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future", è emerso che i certificati di morte dell’Istat sono in grado di rilevare solo il 41% dei casi. Il progetto è stato condotto in sei regioni: Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia utilizzando due metodologie distinte: da una parte incrociando...

Pubblicato il 04-03-2015 in Primo Piano , aggiornato al 05-03-2015 Leggi...

Condividi: 

1allegato

Le sfide future sulla salute globale: il ruolo dell’Italia e dell’ISS

 ISS 2 marzo 2015

Il Convegno Internazionale "L’Italia e le sfide future della Salute Globale" che si terrà il 5 marzo alla Farnesina, organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dall’Associazione Amici del Fondo Globale-Europa, dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Fondo Globale per la lotta all'AIDS, la Tubercolosi e la Malaria, affronterà, con la partecipazione di rappresentanti del mondo politico e istituzionale, di organizzazioni internazionali, di ricercatori e della società civile il problema generale delle diseguaglianze di salute e ragionerà sul posizionamento del nostro Paese nei confronti delle sfide future della Salute Globale.
Negli ultimi anni, con la definizione degli obiettivi del millennio,...

Pubblicato il 02-03-2015 in Primo Piano , aggiornato al 04-03-2015 Leggi...

Condividi: 

10allegati

COMUNICATO STAMPA n° 1/2015 - “Vivere con una malattia rara. Giorno per giorno, mano nella mano”

ISS 27 Febbraio 2015

"Vivere con una malattia rara. Giorno per giorno, mano nella mano"
• Ogni anno 19.000 nuovi casi. Il 20% delle patologie riguarda i bambini, maggiormente colpiti da malformazioni congenite
• Il 18% dei pazienti cerca assistenza fuori regione
• Cinque parole-chiave per parlare di malattie rare: Ascolto, Formazione, Servizi, Inclusione, Solidarietà
• La diretta on-line su


Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home