Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Gaia Scavia
Sei in:
La Sindrome Emolitico Uremica
Vedi l'elenco dei contenuti

1allegato

Sindrome Emolitico Uremica e diarrea da E.coli produttori di verocitotossina (VTEC / STEC)

La sindrome emolitico-uremica (SEU) è una malattia acuta di notevole gravità che colpisce soprattutto i bambini. Generalmente la malattia esordisce con diarrea, spesso emorragica, vomito e dolore addominale ai quali fa seguito la comparsa di anemia emolitica, trombocitopenia e insufficienza renale, che comportano nella maggior parte dei casi il ricorso alla dialisi.


Quando si verificano casi di SEU in comunità scolastiche, specialmente scuole materne e asili nido frequentati da bambini <5anni, occorre prestare particolare attenzione ad evitare che l’infezione si trasmetta ad altri bambini. In tali contesti, infatti, la trasmissione persona-persona è facilitata e occorre osservare misure di igiene rigide (igiene personale, lavaggio frequente delle mani, cambio di...

Pubblicato il 22-05-2015 in La Sindrome Emolitico Uremica , aggiornato al 23-05-2015 Leggi...

Condividi: 

Criteri Diagnostici

 La diagnosi di SEU si basa sul rilevamento della sintomatologia clinica e sulla valutazione dei parametri ematologici e di funzionalità renale. I sintomi e i segni clinici sono riconducibili all'insufficienza renale (oliguria, anuria, edemi), all'anemia acuta (pallore delle mucose, spossatezza) e alla trombocitopenia. Nei casi più gravi possono comparire manifestazioni di carattere neurologico come sonnolenza, confusione, ottundimento del sensorio, strabismo e convulsioni, coma.
Nei casi di SEU associati a infezione da VTEC l’esordio sintomatologico è generalmente caratterizzato da diarrea (il numero di scariche può arrivare ad essere molto elevato), vomito, dolore addominale intenso, sonnolenza. Nel 50% dei casi la diarrea ha caratteristiche...

Pubblicato il 17-02-2011 in La Sindrome Emolitico Uremica , aggiornato al 17-05-2011 Leggi...

Condividi: 

Terapia

 Il decorso della SEU può essere assai rapido e pertanto è molto importante intervenire tempestivamente ricorrendo a centri ospedalieri specializzati, in grado di fornire un'adeguata terapia.
Durante la fase di insufficienza renale è infatti indispensabile il ricovero presso un centro di nefrologia che possa garantire la dialisi e, ove si ritenga opportuno, la plasmaferesi. Va sottolineato che la terapia antibiotica non è necessaria e può favorire il rilascio della tossina nel lume intestinale da parte dei VTEC. E' invece opportuno monitorare i parametri ematologici e la funzione renale dei pazienti con sospetta infezione intestinale da VTEC poiché a rischio di sviluppare la SEU.

Pubblicato il 17-02-2011 in La Sindrome Emolitico Uremica , aggiornato al 16-05-2011 Leggi...

Condividi: 

La malattia

 La sindrome emolitico-uremica (SEU) è una malattia rara che rappresenta, tuttavia, la causa più importante di insufficienza renale acuta nell’età pediatrica, in particolare nei primi anni di vita. È caratterizzata da anemia emolitica microangiopatica Coombs negativa , piastrinopenia da consumo e insufficienza renale acuta di grado variabile, sino alla necessita di trattamento dialitico sostitutivo. Il 25% - 30% dei pazienti può essere interessata da complicazioni neurologiche. Nella fase acuta, la SEU può essere fatale nel 3-5% dei casi ed una percentuale simile può sviluppare insufficienza renale cronica.
Nella sua forma tipica, la SEU si manifesta come una complicanza di un'infezione intestinale batterica, sostenuta da particolari ceppi di Escherichia coli...

Pubblicato il 17-02-2011 in La Sindrome Emolitico Uremica , aggiornato al 12-05-2011 Leggi...

Condividi: 

Le cause della SEU

 Nella maggior parte dei casi la SEU si manifesta come una complicanza di un'infezione intestinale da E.coli produttore di verocitotossina (VTEC). Questi microrganismi, dopo l’ingestione, colonizzano la mucosa intestinale e rilasciano VT nel lume intestinale. La VT si lega a recettori specifici (GB3) presenti sui villi intestinali, inducendone la distruzione, causa della diarrea, spesso sanguionolenta. La distruzione dell’epitelio intestinale puo favorire il passaggio in circolo della VT. I globuli rossi e bianchi esprimono i recettori GB3, e la loro attivazione da parte della VT, condiziona un burst ossidativo con conseguente danno. Una volta passata nel circolo sanguigno la tossina raggiunge il suo tessuto bersaglio, che è costituito dagli endoteli vasali del distretto...

Pubblicato il 17-02-2011 in La Sindrome Emolitico Uremica , aggiornato al 12-05-2011 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]