TEMA

Clima, ambiente e salute

Contaminanti chimici e biologici

L’Obiettivo di sviluppo sostenibile n.3 delle Nazioni Unite “Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età” prevede entro il 2030 di ridurre di 1/3 la mortalità prematura da malattie non trasmissibili di natura ambientale, legate a contaminanti di origine naturale (tossine) o prodotti dalle attività umane (industriali, agricole, di allevamento).

Le attività dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) in questo settore si concentrano nel determinare i contaminanti per caratterizzare l’esposizione ambientale della popolazione e quella interna all’organismo (biomonitoraggio) durante le attività quotidiane.

L’ISS studia anche gli effetti sulla salute, i meccanismi di tossicità e valuta i rischi per la popolazione esposta incluse le fasce più vulnerabili per predisporre piani di prevenzione e protezione della salute.


null Laboratorio nazionale di riferimento su materiali a contatto con alimenti

L’interazione  dell’uomo ed il suo habitat con i materiali di uso comune  comporta  la potenziale esposizione a contaminati chimici.  I materiali e oggetti a contatto con alimenti sono un esempio tipico di tale interazione.  I contaminanti vanno identificati e quantificati per valutare l’esposizione umana e il rischio associato.  Il Laboratorio nazionale di riferimento sui  materiali a contatto con alimenti (LNR MOCA) dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) effettua studi, ricerche e controlli sui contaminanti derivanti da tale fonte di esposizione. Come LNR, accreditato per molte analisi secondo ISO/IEC/17025, si assicura un alto livello qualitativo nelle analisi chimiche  di controllo, monitoraggio e nelle attività di ricerca, in collaborazione con le strutture europee di riferimento (disseminazione di informazioni tecniche, partecipazione a prove interlaboratorio, ecc.). Il LNR MOCA garantisce assistenza tecnico-scientifica all'autorità competente  e ai laboratori territoriali per il controllo ufficiale. 

LNR MOCA