TEMA

Clima, ambiente e salute

Contaminanti chimici e biologici

L’Obiettivo di sviluppo sostenibile n.3 delle Nazioni Unite “Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età” prevede entro il 2030 di ridurre di 1/3 la mortalità prematura da malattie non trasmissibili di natura ambientale, legate a contaminanti di origine naturale (tossine) o prodotti dalle attività umane (industriali, agricole, di allevamento).

Le attività dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) in questo settore si concentrano nel determinare i contaminanti per caratterizzare l’esposizione ambientale della popolazione e quella interna all’organismo (biomonitoraggio) durante le attività quotidiane.

L’ISS studia anche gli effetti sulla salute, i meccanismi di tossicità e valuta i rischi per la popolazione esposta incluse le fasce più vulnerabili per predisporre piani di prevenzione e protezione della salute.


null Naturale non è necessariamente sinonimo di sano: i rischi per la salute dell’uomo, di animali domestici o di allevamento e dell’ambiente associati a tossine naturali (ad esempio cianotossine, tossine di alghe tossiche marine)

Le tossine naturali sono composti dotate di alta tossicità, prodotti da batteri, alghe, funghi, insetti e vertebrati, che spesso le utilizzano nella competizione con altre specie per la conquista di un territorio, come difesa dai predatori, ma in molti casi la causa è ancora sconosciuta. 

Sono composti chimicamente molto diversi, che agiscono con vari meccanismi, causando effetti tossici di varia natura se ingeriti attraverso il consumo di cibo o acqua contaminati, venendo a contatto con acque contaminate o respirando aerosol durante attività ricreative. Sono quindi responsabili di costi sanitari e veterinari nonché di perdite economiche in vari settori. 

È importante individuare la loro presenza nelle acque utilizzate per scopi potabili e ricreativi o in alimenti e integratori per prevenire esposizioni pericolose; lo studio dei meccanismi d'azione e degli effetti è fondamentale per: 

  • fare luce sulla patogenesi di possibili malattie causate da queste tossine e sul processo fisiologico che alterano 
  • arrivare possibilmente alla sintesi di antidoti e/o farmaci o protocolli terapeutici per prevenire o neutralizzarne l'azione