Gender and Health

TOPIC

Gender and Health

Gender and health

The study of the differences between the sexes and the development of a gender-specific medicine represent a milestone of great importance in the advancement of life sciences. Gender medicine, or rather gender-specific medicine, is the study of the influence of sex and gender, which is a term that also includes socio-cultural and psychological aspects, on the physiology and on the pathologies that affect both men and women. Differences between the sexes, in fact, are observed in the frequency, symptoms, clinical manifestations and severity of numerous diseases. Moreover, sex differences are also present in the response to therapies and in adverse drug reactions. Gender differences in lifestyle, including response to nutrients and to environmental contaminants, are also relevant, being often different between men and women.  

A gender approach in clinical practice can contribute significantly to health promotion through an improvement in the appropriateness of care that can also produce benefits for the sustainability of the National Health Service (NHS).

The Istituto Superiore di Sanità (ISS, the National Institute of Health in Italy) is engaged in basic and translational research activities, in defining training and updating courses for healthcare workers and in promoting communication and information campaigns to disseminate information on gender medicine.

Back Differenze di genere e salute nei caregiver familiari

Studio pilota: “Differenze di genere nello stato di salute di due popolazioni di Caregiver familiari”, approvato dal Comitato Etico ISS il 28/06/2021.

Con il termine "Caregiver" familiari si intendono tutti i familiari che, in maniera gratuita e continuativa nel tempo, si prendono cura di un loro congiunto malato e/o disabile non autosufficiente. In Italia non si ha un dato ufficiale sul loro numero, ma una indagine multiscopo su campione dell’ISTAT, nel 2018 ha riportato una percentuale pari a circa l’8% della popolazione nazionale. Così come nel resto del mondo, anche in Italia è la donna ad assumersi maggiormente il ruolo di Caregiver familiare (fino a circa il 75%). Di solito sono donne di età compresa tra 45 e 64 anni che svolgono anche un lavoro fuori casa o che nella maggioranza dei casi hanno abbandonato la propria attività lavorativa per dedicarsi, a tempo pieno, alla cura.

Il Centro di Riferimento per la Medicina di Genere, sta effettuando, nel biennio 2021-2022, uno studio pilota dal titolo: “Differenze di genere nello stato di salute di due popolazioni di Caregiver familiari”, con l'obiettivo principale di ricercare: 

  • se il ruolo di Caregiver familiare possa, in alcuni casi, far aumentare il rischio di sviluppare determinate patologie rispetto alla popolazione generale 
  • se esistano differenze genere-specifiche

A tal fine, è in corso il reclutamento dei Caregiver familiari tramite le associazioni di pazienti e loro familiari e i centri medici partecipanti allo studio, su tutto il territorio nazionale. Ai Caregiver familiari viene chiesto di compilare un questionario on line volto a misurare alcuni determinanti di salute sia mentale (depressione, ansia, stress) che fisica (percezione dello stato di salute e dati soggettivi riguardanti la presenza di determinate patologie da quando è iniziata l'attività di cura).

Lo studio pilota si è concluso a Settembre 2023. Vedi una sintesi dei risultati dello studio Stress salute e differenze di genere nei caregiver familiari pubblicati sul Notiziario ISS.

In preparazione il proseguimento dello studio "Stress, salute e differenze di genere nei caregiver familiari".

mail: caregiver.mdg@iss.it