Mental health

TOPIC

Mental health

Gene-environment interaction in mental health

Both genetic factors and concomitant environmental exposures act on mental health, the effects of which can mutually modify each other in a complex way. The environment can in fact influence the way in which DNA is read and transcribed through chemical modifications, thus directly regulating the functional activation of genes (epigenetics). Epigenetics plays a fundamental role in the processes of brain plasticity.

When genetic effects are modulated by exogenous factors, such as lifestyles, opportunities exist for prevention and mental health promotion.

The Istituto Superiore di Sanità (ISS, the National Institute of Health in Italy) addresses the issue of gene-environment interactions in mental health both using experimental models and with a population approach, for example on samples of twins (estimation of the heritability of traits in different exposure categories ) and on birth cohorts in which the effects of interactions between the genome and environmental factors on neurobehavioral development are investigated.



Studio sui fattori di rischio dell'arteriosclerosi



Perugia: Si replica lo studio realizzato nel mese di settembre a Roma ed a Padova. Lo studio verrà condotto a Perugia in collaborazione con il Prof. Giuseppe Schillaci del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Perugia. Le visite si svolgeranno dal 17 al 20 marzo 2010 presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia (ex Silvestrini).

Ai partecipanti viene chiesto di compilare alcuni questionari che valutano il benessere psicologico, lo stato generale di salute, le abitudini al fumo e gli stili di vita.
I questionari, spediti a casa nei giorni precedenti la visita,vengono riconsegnati il giorno dell’appuntamento all’Ospedale.

Gli esami effettuati si basano su una valutazione, eseguita mediante Ecografia-Doppler, dello spessore della parete delle arterie carotidi e del circolo intracranico. Inoltre, viene misurata la pressione sanguigna, la funzionalità respiratoria e raccolto un campione di saliva.

Lo studio viene condotto dal Registro Nazionale Gemelli dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con la Semmelweis University di Budapest, il Dipartimento di Scienze Radiologiche –Policlinico Umberto I di Roma, il Dipartimento di Scienze Neurologiche di Padova e il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Perugia
. Ad oggi hanno partecipato allo studio 127 coppie di gemelli iscritti al Registro Nazionale Gemelli e residenti a Roma o Padova. A Perugia verranno coinvolte nello studio circa 50 coppie di gemelli.

Obiettivi dello studio
L’arteriosclerosi è una patologia degenerativa che rappresenta oggi la principale causa di morbidità e mortalità nella popolazione occidentale.
La sua prevenzione assume dunque una notevole importanza sia a livello individuale che per la collettività.
Recenti studi hanno dimostrato che alcuni parametri quali la velocità del flusso aortico, la rigidità della parete dell’aorta ed il tono della parete dei vasi periferici sono associati a cambiamenti strutturali dell’arteriosclerosi e che l’individuazione di forme precoci potrebbe consentire di iniziare tempestivamente una efficace terapia.

Lo studio ha come obiettivo principale quello di fornire stime più precise di quelle attualmente disponibili sulla ereditabilità dell’arteriosclerosi nella popolazione generale e dei suoi fattori di rischio, valutando le componenti genetiche ed ambientali delle misure fornite dagli esami ecografici (rigidità della parete e velocità del flusso dell’aorta, etc.) e di quelle rilevate dai questionari (abitudini al fumo, stili di vita, etc.).

Obiettivo secondario dello studio è quello di valutare il ruolo del benessere psicologico quale fattore protettivo dell’arteriosclerosi. Tutto ciò potrebbe facilitare la futura comprensione della patogenesi dell’arteriosclerosi, l’identificazione di nuove strategie diagnostiche e di screening basate sull’individuazione di profili ad alto rischio per lo sviluppo di questa patologia.

Scarica il filmato e l'intervista
Realizzazione, produzione video, riprese e montaggio a cura di Massimo Antonucci e Valter Tranquilli, SIDBAE, Settore attività editoriali

Per info
Maria Antonietta Stazi
Emanuela Medda
Istituto Superiore di Sanità,Centro Nazionale di Epidemiologia,Sorveglianza e Promozione della Salute, Reparto di Epidemiologia Genetica
Viale Regina Elena, 299- 00161 Roma
Tel 06 49904155 /4153 Registro Nazionale Gemelli

Rodolfo Cotichini
Istituto Superiore di Sanità,Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, Reparto di Epidemiologia Clinica e linee guida
Viale Regina Elena, 299- 00161 Roma
Tel 06 49904176 Registro Nazionale Gemelli

Fabrizio Fanelli
Dipartimento di Scienze Radiologiche – Policlinico Umberto I, Sapienza Università di Roma
Viale Regina Elena 324, Roma

Claudio Baracchini
Clinica Neurologica I, Dipartimento di Scienze Neurologiche, Università degli Studi di Padova
Via Giustiniani 5, Padova

Giuseppe Schillaci

Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale - Università degli Studi di Perugia
Università degli Studi di Perugia
P.zza Università, 1 - 06100 Perugia

Foto a cura di: Bruno Ballatore, SIDBAE, Settore attività editoriali



Dipartimenti/Centri/Servizi

Center of reference for behavioural sciences and mental health

Topics

Chronic diseases and aging Cardiovascular diseases Mental health Gene-environment interaction in mental health