TEMA

Genere e salute

Fisiologia, patologia e meccanismi genere-specifici

Fattori ormonali, genetici, epigenetici ed ambientali possono essere alla base delle differenze sesso/genere specifiche sia in condizioni di salute, sia di malattia.

È noto che le cellule derivate da soggetti maschili, dotati dei cromosomi sessuali  XY,  e femminili caratterizzati dai cromosomi XX, rispondono in modo diverso allo stress e all'esposizione ad agenti fisici, chimici, biologici e nutrizionali.

Più in generale, la maggior parte delle malattie che colpiscono entrambi i sessi, come i tumori, le malattie immunomediate, le malattie cardiovascolari e quelle infettive, presentano differenze in termini di frequenza, comparsa, progressione, prognosi, sintomi, risposta ai trattamenti.

Obiettivo dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è cercare di capire il perché delle differenze.


null Insufficienza cardiaca cronica e genere

Un aspetto caratteristico dell'insufficienza cardiaca cronica è l'inibizione del sistema di trasduzione del segnale β-adrenergico con alterazioni quantitative del corredo di molecole che ne mediano trasduzione e attenuazione. Queste alterazioni sono associate ad un'incrementata espressione  di geni fetali come la catena pesante della β-miosina (β-MHC), l'α-actina scheletrica (skACT) e il peptide atriale natriuretico (ANP). Al momento  non è noto se questi cambiamenti siano cause o solo conseguenza del processo  patologico. Nell’ambito della Medicina di Genere sono stati eseguiti diversi studi preclinici tesi a valutare gli effetti dell'attivazione β-adrenergica sull'espressione di geni fetali. Nel corso di tali studi abbiamo trovato che vi è una relazione inversa tra l'espressione di questi geni e l'attività del sistema β-adrenergico.