TEMA

Clima, ambiente e salute

Inquinamento dell’aria outdoor e indoor

L'inquinamento dell’aria indoor e outdoor è il fattore di rischio ambientale più rilevante per la salute pubblica.

Le attività di monitoraggio e ricerca sono indirizzate a identificare azioni efficaci per la riduzione dell'esposizione della popolazione e per il controllo delle sorgenti di emissione.

Le principali criticità sanitarie sono rappresentate dall'inquinamento nelle aree urbane a causa dell'alta densità e numerosità della popolazione, mentre per gli ambienti indoor (abitazioni, uffici, scuole, ospedali, palestre, mezzi di trasporto, ecc) dall'alta esposizione dovuta all'elevato numero di ore giornaliere di permanenza della popolazione.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS), è impegnato nello studio di queste problematiche e effettua anche valutazioni sanitarie a fini preventivi per le aree con presenza di impianti industriali. 


null Gruppo di studio nazionale Inquinamento indoor

Attivato dal 2010 nell'Istituto Superiore di Sanità (ISS), per fornire documenti tecnico-scientifici condivisi e conseguire una omogeneità di azioni a livello nazionale. Al Gruppo di studio nazionale Inquinamento indoor partecipano le varie istituzioni nazionali e territoriali. Lo scopo che il GdS si propone è quello di fare il punto della situazione attuale sul tema della qualità dell’aria indoor; particolare attenzione viene posta agli ambienti lavorativi (es. uffici, banche, posta, ecc.), domestici, scolastici e ricreativi, al ruolo delle sorgenti, alle emissioni dei materiali, agli interventi di efficienza energetica, alle esposizioni della popolazione. 
I lavori del  GdS  costituiscono un concreto punto di riferimento per gli operatori di settore, in particolare per la elaborazione di documenti di riferimento  per fornire  un pratico contributo alla soluzione dei problemi legati alla complessa tematica della qualità dell’aria indoor.

Gruppo di studio nazionale Inquinamento indoor