TEMA

Prevenzione e promozione della salute

Prevenzione e promozione della salute

Tantissimi studi scientifici hanno dimostrato l'importanza della prevenzione e della promozione della salute per ridurre l'incidenza delle malattie e la mortalità e di conseguenza i costi per il Servizio sanitario nazionale (SSN) e per la società ma anche per favorire il mantenimento del benessere e della qualità della vita.

Malattie come il diabete di tipo 2, alcuni tipi di tumori e di demenze si possono in parte prevenire. Quasi l'80% dei casi di malattie cardiache e gli ictus possono essere evitabili se le persone sono disposte a modificare il proprio stile di vita. In una moderna concezione di salute la sua promozione e la prevenzione devono essere incentrate su azioni congiunte di vari settori della società, principalmente sui fattori di rischio comportamentali modificabili e sui determinanti di salute sociali, economici e ambientali, senza dimenticare l'importanza della diagnosi precoce, il ruolo cruciale delle vaccinazioni e il contrasto alle disuguaglianze.

In questo ambito, in accordo con le politiche promosse da agenzie internazionali come l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), adottate dalle normative nazionali, le attività strategiche dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) si ispirano ai principi cardine del potenziamento delle capacità delle persone di fare scelte responsabili per il proprio benessere. In questa visione la prevenzione e la promozione della salute abbracciano tutte le fasi della vita e considerano la salute non più responsabilità del solo SSN.

A tal fine l'ISS raccoglie dati ed effettua ricerche su stili di vita e comportamenti che possono avere effetti sulla salute, studia e promuove modelli di intervento, supporta i Ministeri e le Regioni nelle attività di prevenzione delle malattie e promozione della salute, collabora con altre istituzioni nazionali e internazionali.


null Il sistema europeo di sorveglianza degli incidenti Injury DataBase

La rete di sorveglianza italiana degli incidenti domestici SINIACA è stata integrata nel sistema di sorveglianza europeo degli infortuni in pronto soccorso (IDB: Injury Database) detenuta dalla Commissione Europea - Direzione Generale Salute e Protezione del Consumatore (DG SANCO), in adempimento dell'Azione Congiunta Unione Europea-Stati Membri JAMIE (Joint Action on Monitoring Injuries in Europe), attuativa della Raccomandazione del Consiglio Europeo del 31 maggio 2007 sulla prevenzione degli infortuni e la promozione della sicurezza.
Dal 2012, l’ISS è National Database Administrator per l’Italia dell'Injury Database europeo. La banca dati IDB, in particolare, contiene dati standardizzati sulle cause esterne degli infortuni basati sugli accessi presso i reparti di emergenza-urgenza ospedalieri e fornisce informazioni sugli infortuni non mortali non intenzionali, come gli infortuni domestici, sport e tempo libero, infortuni sul lavoro e incidenti stradali, oltre agli infortuni intenzionali derivanti da violenza e autolesioni. Per assicurare continuità alla sorveglianza epidemiologica, l'ISS entro il 2020 assumerà il ruolo di nuovo host europeo per la base di dati IDB