TEMA

Sanità pubblica veterinaria

Sanità pubblica veterinaria

Il complesso rapporto tra salute dell’uomo, delle popolazioni animali e dei contesti ambientali attraverso i quali esso si articola, direttamente o per il tramite della catena alimentare, costituisce il cardine della attività di Sanità pubblica veterinaria (SPV) e degli ambiti della medicina veterinaria che contribuiscono maggiormente alla salute e benessere dell'uomo.

Essa copre molteplici aspetti del rapporto uomo/animale, quali: la salute e il benessere degli animali, lo sviluppo e la gestione del farmaco veterinario, l'intervento veterinario in corso di catastrofi, l'igiene urbana veterinaria, la gestione sanitaria della fauna selvatica. Pertanto, la SPV è componente determinante della visione unitaria del concetto di salute che prende il nome di One Health, moderna concezione dei rapporti fra salute dell'uomo, degli animali e dell'ambiente.

Le zoonosi, ovvero le malattie trasmissibili dagli animali all'uomo, sono uno degli ambiti più consolidati della SPV. Oltre il 70% delle malattie emergenti dell'uomo ha un'origine zoonotica. Si va da malattie “storiche” come rabbia e salmonellosi, a malattie emerse negli ultimi decenni (ebola, SARS, HIV/AIDS, derivante dal virus dell’immunodeficienza della scimmia, epatite E, malattie da prioni). L'approccio interdisciplinare della One Health è determinante per lo studio e gestione delle zoonosi.

Attività prioritarie dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) sono la ricerca sull'eziologia, patogenesi ed epidemiologia delle zoonosi, in particolare di quelle a trasmissione alimentare e vettoriale e i sistemi di sorveglianza integrata medico-veterinaria, anche in collaborazione con gli Istituti zooprofilattici sperimentali. Aspetti importanti dell’attività ISS nella SPV sono anche l'approccio integrato all'antibioticoresistenza e la sicurezza di farmaci veterinari e mangimi, da cui dipende la salubrità degli alimenti di origine animale.

Altre attività riguardano la sperimentazione animale e le sue alternative con lo sviluppo di modelli sperimentali innovativi, anche in accordo con il principio delle 3R (Replacement, Reduction, Refinement) e l’attività di valutazione tecnico-scientifica in merito al benessere degli animali in sperimentazione.


null Training at the EURL-VTEC

The EURL-VTEC offers laboratory training for the staff of the NRLs of EU Member States or third countries. All the training sessions are based on a hands-on approach and consist in visits to the EURL-VTEC of trainees interested in improving their knowledge about methodologies and techniques for pathogenic E. coli detection, identification, and typing. A dedicated budget from the European Commission is usually allocated to support visits of scientists from EU-NRLs and each year the EURL launches a call to collect applications from the NRLs.
Different training programs are currently available at the Training at the EURL-VTEC section of the website and also reported below. 
 
- Program for a 5-days training on the detection of VTEC in food matrices according to the ISO TS 13136:2012 and the characterization of the isolated VTEC strains (EU-RL VTEC_Training Program_ISOTS13136_Rev 3)

- Program for a 4-days training on the identification and characterization of the different groups of pathogenic E. coli by Real Time PCR amplification of their virulence genes (EU-RL VTEC_Training Program_Identification of pathogenic E. coli_Rev 2)

- Program for a 5-days training on molecular typing of VTEC by PFGE (EU-RL VTEC_Training Program_PFGE typing_Rev 2)

- Program for a 5-days training on the design and preparation of PTs on the detection of VTEC in food matrices (EU-RL VTEC_Training Program_PT organization _Rev 1)

- Program for a 3-days training on the use of bioinformatics tools for Next Generation Sequencing data mining for typing pathogenic E. coli (EURL-VTEC_Training Program_Bioinformatics_Rev 0) [PDF - 120.32 kbytes]

 

In the same section are also available the documents related to:

- Basic Course on the use of BioNumerics Software for the analysis of Pulsed Field Gel Electrophoresis-generated profiles of E. coli (Rome, 12-13 June 2014)

- Second Joint Training Course on the Use of BioNumerics Software to analyse PFGE data of Shiga-toxin producing Escherichia coli, Salmonella and Listeria monocytogenes (Rome, 3-4 July 2017)
 


Elenco Argomenti