TEMA

Dipendenze

Tabacco e sigarette elettroniche

Il consumo di tabacco è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di malattie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. Il tabagismo, malattia cronica recidivante, rappresenta uno dei più grandi problemi di sanità pubblica a livello mondiale. Fenomeno emergente è l'assunzione di nicotina attraverso prodotti del tabacco di nuova generazione e sigaretta elettronica, particolarmente importante nella popolazione giovanile per le caratteristiche di alta additività della nicotina.

Per prevenire e contrastare l'iniziazione ed incentivare la disassuefazione l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) realizza studi e ricerche basate sulle evidenze scientifiche, produce e diffonde linee guida e raccomandazioni, promuove sistemi di sorveglianza, propone formazione per operatori socio-sanitari, facilita l’incontro della domanda dei cittadini e l'offerta di servizi sul territorio, anche attraverso gli interventi di counselling proposti dal Telefono Verde contro il Fumo – 800 554088.

L’ISS fornisce supporto tecnico scientifico relativamente alle caratteristiche dei prodotti del tabacco di nuova generazione,  al controllo sulle sigarette elettroniche per ciò che riguarda le sostanze pericolose e sui liquidi contaminati.


null Linee guida cliniche per promuovere la cessazione dellabitudine al fumo - EDIZIONE 2008

Queste Linee Guida, che sono un aggiornamento al 31 dicembre 2007, sono rimaste sostanzialmente invariate nella struttura e per il tipo di intervento raccomandato rispetto alle Linee Guida pubblicate nel 2002.

Obiettivo delle Linee Guida è quello di promuovere la cessazione dell’abitudine al fumo nella popolazione italiana. Questo obiettivo si colloca all’interno di un progetto più ampio legato alla promozione di stili di vita salutari, della prevenzione e della comunicazione pubblica sulla salute.
La prevenzione, attraverso l’informazione e l’educazione sanitaria, di alcune malattie legate a stili di vita non corretti rimane uno degli obiettivi prioritari indicati dal Ministero della Salute e sottolineato anche nel Piano Sanitario Nazionale (PSN) 2006-2008.

La prevenzione del tabagismo e la lotta contro il consumo di tabacco sono obiettivi delle politiche sanitarie non solo nel nostro Paese, ma anche della comunità internazionale. Di fatto sia l’Unione Europea che l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano la necessità di un approccio multisettoriale a tutte le problematiche relative al consumo di tabacco e l’implementazione di politiche che abbiano un impatto misurabile sulla riduzione dell’uso di tabacco.

In particolare viene data molta importanza agli interventi che favoriscono la disassuefazione dal fumo, tramite il contributo dei Medici di Medicina Generale (MMG), e i Centri Antifumo già operanti su tutto il territorio nazionale.

Il MMG, al quale sono indirizzate queste Linee Guida, può essere determinante per combattere la dipendenza da tabacco, anche semplicemente attraverso interventi brevi, attuabili nel corso della propria attività clinica quotidiana. Tali interventi, la cui efficacia è ampiamente dimostrata dalla letteratura, sono di importanza fondamentale soprattutto se attuati dal medico di famiglia o anche dai farmacisti, per il particolare rapporto di fiducia che li lega al pubblico e per il numero rilevante dei loro contatti.

Questa guida rapida nella quale sono riassunti i punti salienti della versione integrale delle Linee Guida è stata realizzata con la speranza e la fiducia che possa rappresentare uno strumento agile ed efficace per la realizzazione degli interventi di contrasto all’abitudine al fumo di tabacco.