TEMA

Tecnologie innovative per la salute e telemedicina

Tecnologie innovative per la salute e telemedicina

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) sviluppa ricerche e progetti per la tutela e il miglioramento della salute attraverso l’uso scientificamente validato delle innovazioni tecnologiche, l’ottimizzazione nell'utilizzo delle radiazioni in medicina, lo sviluppo di approcci terapeutici innovativi tramite manifattura additiva (3D printing), pianificazione chirurgica personalizzata, monitoraggio e  valutazione delle applicazioni software (APP) rientranti nell'ambito dei dispositivi medici, studio ultrastrutturale di malattie infettive e dell’antibiotico-resistenza.

L’ISS, inoltre, promuove studi sulle soluzioni di apprendimento automatico avanzato (machine learning, branca dell’intelligenza artificiale) per ottimizzare l’uso di big data in sanità e nel wellness, anche attraverso sistemi di sensori indossabili che sono, essi stessi, oggetto di specifica attività di ricerca-sviluppo.

Nell'ambito delle nanotecnologie realizza tecniche innovative di valutazione dei dispositivi medici contenenti nanomateriali confrontandole poi, come previsto dalle norme internazionali, con le tecniche più tradizionali.

Nel settore della telemedicina vengono realizzati e monitorati servizi sanitari e socio-sanitari   fornendo collaborazione agli enti e organizzazioni nel territorio; elaborati e aggiornati metodi per gestire la sicurezza informatica  e il rischio clinico, nonché per valutare il costo-efficacia di tali servizi. Inoltre vengono sviluppati modelli di progettazione e conduzione dei servizi in telemedicina,  di utilizzo dei real world big data e vengono promossi e coordinati trial clinici nazionali e internazionali in telemedicina e medicina di precisione (precision medicine).

I centri coinvolti dispongono di capacità autonome di realizzazione di prototipi  (elettronica, meccanica, idraulica, stampa in 3 dimensioni), laboratori tematici a favore della ricerca e dell’innovazione, servizi di irraggiamento e gestione centralizzata di grandi strumentazioni scientifiche. Tutte le attività si svolgono con competenze multidisciplinari.


null Buone pratiche per la sicurezza informatica nei serivizi sanitari

La sicurezza informatica è un problema complesso che richiede specifiche soluzioni tecnologiche ed organizzative e non può essere improvvisata. Essa deve essere sempre affrontata durante il progetto dei sistemi informativi ed adottando opportune tecniche di gestione dei sistemi durante tutta la loro vita.

Tuttavia, comportamenti non adeguati degli utilizzatori semplificano gli attacchi anche a sistemi informativi che offrono una sicurezza elevata. È quindi necessario che il comportamento degli utilizzatori non generi situazioni pericolose che riducono la sicurezza intrinseca di un sistema mettendo in pericolo sia il sistema che i dati che esso gestisce. Per ottenere un contrasto ed una prevenzione efficace degli attacchi, le regole di buon comportamento devono essere diffuse ed adottate da tutto il personale delle strutture sanitarie, sia amministrativo che operativo. Per questo il documento suddivide le indicazioni in due paragrafi: il primo destinato a tutto il personale delle strutture sanitarie, il secondo con indicazioni utili ai gestori e responsabili di unità organizzative sia amministrative che operative.
Tale suddivisione è stata pensata al solo scopo di facilitare la lettura del presente documento anche a persone che non abbiamo specifiche conoscenze tecniche e non indica affatto una priorità di importanza o di urgenza.
Tutte le indicazioni del presente documento sono quindi da ritenere ugualmente necessarie per incrementare il più possibile la difesa da cyberattacchi.
Il primo paragrafo riporta un semplice elenco, valido in generale per qualsiasi utilizzo di computer connessi in internet, di comportamenti corretti e scorretti ai fini della propria sicurezza.