UFFICIO STAMPA

Primo piano

null Confermato caso italiano: a Milano situazione simile a quella della Germania. Adottate le misure tra più restrittive previste in caso di focolaio epidemico

ISS, 21 febbraio 2020

Il punto di Gianni Rezza

E’ stato confermato dall’Istituto Superiore di Sanità il primo caso risultato positivo all’Ospedale di Codogno. Per la prima volta anche in italia si sono verificati casi di trasmissione locale di infezione da nuovo coronavirus.

La regione Lombardia in stretta collaborazione con Iss e Ministero della Salute ha avviato le indagini sui contatti dei pazienti al fine di prendere le necessarie misure di prevenzione.

Un focolaio analogo si era verificato già in Germania ed è stato contenuto in tempi relativamente brevi.

Le misure di controllo adottate dal Ministero della Salute prevedono oltre all’isolamento ospedaliero dei casi e all’isolamento obbligatorio dei contatti stretti di un caso positivo, la sorveglianza attiva con permanenza domiciliare fiduciaria per chi è stato nelle aree a rischio negli ultimi 14 giorni con obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie locali.

Una priorità è rappresentata dalla individuazione della fonte d’infezione sulla quale però non c’è ancora certezza. Da questo dipenderà anche la necessità di eventuali ulteriori misure.

Il livello di allerta è molto alto e le autorità locali hanno già attuato importanti indagini e misure di controllo in collaborazione con tutte le Istituzioni coinvolte.