Radiation protection

TOPIC

Radiation protection

Radioactivity in drinking water and food

Exposure to natural sources of ionizing radiation includes, among others, that deriving from the ingestion of radionuclides present in food and water intended for human consumption. This type of exposure, and it should be clarified, is attributable to radionuclides naturally contained in the earth's crust which, due to physical phenomena of different nature, end up in food and water. The United Nations Scientific Commission (UNSCEAR - United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation) on the effects of radiation estimates that, on average, about 12% of an individual's overall exposure to natural sources of radiation is attributable precisely to ingestion of food and water consumption.

This first source of exposure, due to radionuclides of natural origin, is superimposed on that attributable to anthropogenic radionuclides (present in water and food due to human activities).

The World Health Organization (WHO) does not differentiate between natural and artificial radionuclides in the assessment of the population risk but does so in relation to control strategies. But it is worth pointing out that the natural origin of radionuclides contained in water and food is not automatically associated with a lower risk; and generally, the radionuclides naturally present in the earth's crust, which end up dissolved in water and contained in food, contribute most to the exposure of individuals.

Special mention should be made of radon, a radioactive gas which can be found in water, especially in those of underground origin (groundwater and spring water), and which can easily change from the aqueous phase into the gas phase and accumulate in closed environments, including domestic ones. As a demonstration of this, of all the radon originating from a water source only 10% is ingested, and 90% is through inhalation.

The Istituto Superiore di Sanità (ISS, Italian National Institute of Health) and the Ministry of Health have specific tasks of addressing and coordinating the control of radioactivity in water intended for human consumption, as established by Legislative Decree 28/2016 (which transposed Directive 2013/51 / Euratom), and the subsequent decree of the Minister of Health of 2/8/2017. These decrees establish the requirements for the protection of the health of the population with regard to radioactive substances present in water intended for human consumption.

Guidelines and documetns of the World Health Organization (WHO)

Guidelines for drinking water: 4th edition plus 1rst addendum 2018

Management of Radioactivity in Drinking-Water 2018

 


Dipartimenti/Centri/Servizi

National center for radiation protection and computational physics

Topics

Radiation protection Protection from radioactivity in drinking water

Workshop radioattività acque destinate al consumo umano


Workshop sull’attuazione del D.Lgs. 28/2016 sul controllo della radioattività nelle acque destinate al consumo umano

7 luglio 2017 - Istituto Superiore di Sanità, Aula Pocchiari

Organizzato da

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ
Centro Nazionale per la Protezione dalle Radiazioni e Fisica computazionale
e
MINISTERO DELLA SALUTE
Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria


Il decreto legislativo del 15 febbraio 2016 n. 28 ha recepito la direttiva 2013/51/Euratom che stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano. Tale decreto legislativo introduce per la prima volta un sistema organico di controlli della radioattività presente nelle acque destinate al consumo umano e prevede a tale scopo una serie di compiti e attività da parte delle Regioni e Province autonome e dei gestori delle reti di distribuzione idrica, nonché compiti di indirizzo e coordinamento da parte del Ministero della salute e dell’Istituto superiore di sanità.

Obiettivo di questo workshop è riunire i soggetti coinvolti dal d.lgs. 28/2016 per discutere e confrontarsi sulle attività in corso per l’avvio dell’attuazione del decreto stesso.

Modalità di iscrizione
La scheda di partecipazione è disponibile all’indirizzo:
goo.gl/jHX82n
La scheda deve essere compilata online entro il 30 giugno.

La partecipazione all’evento è gratuita, ma le spese di viaggio e soggiorno sono a carico del partecipante.
Ai partecipanti che ne faranno richiesta nella scheda verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Modalità di selezione dei partecipanti
Si intendono ammessi a partecipare solo coloro che ne riceveranno comunicazione via email, all’indirizzo di posta elettronica riportato nella scheda di iscrizione, nei giorni immediatamente successivi all'invio della domanda di iscrizione per facilitare l’organizzazione della missione.
Dato il limitato numero di posti, si raccomanda di iscriversi solo se ragionevolmente certi di poter partecipare.

Materiale del workshop
Il materiale presentato durante il workshop è disponibile ai seguenti link:

- Alessandro Magliano (Ministero della Salute)
- Francesco Bochicchio (ISS)
- Luca Lucentini (ISS)
- Rosella Rusconi (Arpa Lombardia)
- Silvia Bucci (Arpat)
- Michele Epifani (Arpab)



Dipartimenti/Centri/Servizi

National center for radiation protection and computational physics

Topics

Protection from radioactivity in drinking water