TEMA

Dipendenze

Doping

La legge 376 del 14 dicembre 2000 stabilisce che il doping è un problema che riguarda sia l’etica sportiva, che la tutela della salute di chi pratica attività sportiva agonistica e amatoriale: per questo motivo le attività di contrasto al fenomeno del doping devono riguardare anche l’ambito sanitario. Emergente è la problematica della medicalizzazione dell’atleta e dell’uso di integratori contenenti sostanze vietate per doping e nocive per la salute.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) promuove lo sport libero dal doping e realizza attività di ricerca, formazione e informazione sulle tematiche doping-correlate.

Svolge, inoltre, attività di vigilanza sul laboratorio antidoping nazionale accreditato dall'Agenzia mondiale antidoping (World Anti-Doping Agency, WADA) e sulle procedure di controllo antidoping nelle manifestazioni sportive.

Il Telefono Verde Antidoping – 800 896970 fornisce, in modo anonimo e gratuito, consulenza e informazioni ai cittadini.


null Brochure: “La tua salute viene prima di tutto, il doping no”

“La tua salute viene prima di tutto, il doping no” è una brochure dedicata a chi pratica attività sportiva, dove sono illustrate in maniera semplice ed immediata delle informazioni sulla normativa di riferimento, le procedure di controllo degli atleti e le sanzioni.

È bene ricordare che moltissime delle sostanze utilizzate a scopo di doping sono farmaci sviluppati per la cura di particolari patologie che vengono quindi assunte impropriamente da individui sani. L’attività sportiva è diretta alla promozione della salute individuale e collettiva e quindi non può essere svolta con l’ausilio di tecniche, metodologie o sostanze di ogni natura che possano mettere in pericolo l’integrità psicofisica degli atleti.

La brochure è disponibile gratuitamente sia in file PDF che in formato cartaceo, in quest’ultimo caso è possibile richiederne copia inviando una mail all’indirizzo: osservatorio.fad@iss.it.