ATTIVITA'

Progetti

PROGETTO ISS - REGIONE LAZIO - UNIVERSITA' CAMPUS BIOMEDICO

 

La biodiversità vegetale per la produzione sostenibile di molecole con proprietà antivirali: cellule “staminali” vegetali come fonti di defensine

Il progetto “La biodiversità vegetale per la produzione sostenibile di molecole con proprietà antivirali: cellule “staminali” vegetali come fonti di defensine” si propone di identificare molecole attive contro infezioni virali emergenti e ri-emergenti, esplorando la grande biodiversità dei composti bioattivi vegetali. Una volta dimostrata l’efficacia antivirale e l’assenza di tossicità delle defensine vegetali, la produzione dei peptidi risultati idonei verrà ottimizzata con l’obiettivo di facilitare il passaggio dei risultati ottenuti in laboratorio alla scala industriale.

Istituto Superiore di Sanità (ISS)

Alessandra Borsetti (CNAIDS)
Responsabile del Progetto per ISS
Partner di progetto

 

Università Campus Bio-Medico di Roma

Laura De Gara 
Coordinatore del Progetto  

L’attuale pandemia di COVID-19 ha posto delle sfide senza precedenti nel settore della salute pubblica evidenziando la necessità di accelerare la scoperta di farmaci antivirali attivi contro le infezioni virali emergenti e ri-emergenti.

Sebbene i vaccini siano considerati le migliori misure di profilassi contro le malattie infettive, allo stato attuale nonostante decadi di ricerca scientifica, non esistono vaccini efficaci contro numerosi patogeni quali ad esempio il virus dell’immunodeficienza acquista (HIV), il virus respiratorio sinciziale (RSV) e il virus dengue (DENV). Quindi la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci antivirali sono una priorità sanitaria.

Scopo del progetto è esplorare la grande biodiversità delle molecole vegetali per identificare composti attivi contro infezioni virali (ri)-emergenti. Verrà messo a punto un sistema sostenibile, a basso costo e innovativo, basato su cellule “staminali” vegetali, per la produzione di defensine, peptidi cationici di difesa attivi contro un vasto numero di patogeni e altamente conservati a livello evolutivo. L’analisi e la caratterizzazione dell’attività antivirale delle defensine restituirà informazioni volte ad aprire nuove prospettive terapeutiche. Le aziende potenzialmente interessate alla valorizzazione dei risultati comprendono sia quelle specializzate nella produzione e commercializzazione di prodotti fitoterapici e integratori sia le aziende farmaceutiche.

Finanziamento complessivo: € 149.907,7
Data di inizio: 22/07/2021
Durata due anni
 

Il progetto si propone di identificare le defensine di origine vegetale con azione antivirale da utilizzare come principi attivi di nuovi farmaci o integratori/fitoterapici utili nella cura e prevenzione delle malattie virali. Il principale obiettivo è ottimizzare i protocolli di produzione in vitro e di estrazione/purificazione della/e difensina/e risultate più promettenti per le loro proprietà antivirali e per l’assenza di tossicità, e fornire utili informazioni per lo scale-up industriale.

Link

POR Lazio FESR Italia 
European Regional Development Fund