ATTIVITA'

Progetti

PROGETTO ISS – REGIONE LAZIO

 

Sanificazione ad alta pressione delle acque con rimozione e monitoraggio di patogeni - High Pressure Sanification of Water for Foodborne Virus removal (HPSWFood )

Il progetto HPSWFood intende verificare l’efficacia di processi di trattamento con alte pressioni per l’inattivazione in acqua di virus umani di interesse per la trasmissione attraverso alimenti (inclusa l’acqua per uso alimentare), al fine di garantire una maggiore sicurezza del consumatore, sviluppando, al contempo, approcci analitici per la rilevazione rapida dei contaminanti virali.  

 

Principal Investigator:
Stefano Bellucci

Istituto Superiore di Sanità (ISS)

Elisabetta Suffredini, Loredana Cozzi, Simona Di Pasquale (Laboratorio Nazionale di Riferimento per i Virus di origine Alimentare https://www.iss.it/lnr-voa-il-laboratorio-nazionale-di-riferimento)

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

Stefano Bellucci, Francesca Limosani

Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (UNITOV)

Laura Micheli, Silvia Piermarini, Alessandro Porchetta, Giulia Volpe

Partner industriali esterni

Raithor specializzata in ricerca di metodi sul campo; Qi Technologies, specializzata sensori da processo; Sensichips specializzata in sviluppo di microsensori e piccola strumentazione

Il progetto HPSWFood intende verificare l’efficacia di processi di trattamento con alte pressioni per l’inattivazione in acqua di virus umani di interesse per la trasmissione attraverso alimenti (inclusa l’acqua per uso alimentare), al fine di garantire una maggiore sicurezza del consumatore, sviluppando, al contempo, approcci analitici per la rilevazione rapida dei contaminanti virali.

Nell’ambito del progetto, sistemi industriali pilota per il l’omogenizzazione ed emulsione ad alte pressioni, la cui efficacia rispetto alla lisi cellulare batterica è già stata dimostrata, verranno valutati per la loro idoneità ad inattivare virus noti per la loro trasmissione attraverso alimenti e attraverso l’acqua. Il gruppo di lavoro dispone di un modello in scala sperimentale per l’esecuzione delle prove in sicurezza in ambito laboratoristico, che consente il trattamento di volumi variabili da 100 mL a circa 20L, consentendo pertanto un programma di lavoro idoneo alla dimostrazione dell’efficacia del processo, mantenendo tuttavia una scala dimensionale funzionale all’attività sperimentale.

L’effetto dei trattamenti sui virus a trasmissione alimentare varrà valutato con un piano sperimentale articolato su due famiglie virali: HAV (famiglia Picornaviridae) e Murine Norovirus, MNV (famiglia Caliciviridae; MNV utilizzato come surrogato dei NoV umani che, non essendo coltivabili in laboratorio, non consentono la produzione di stock virali riproducibili).

Finanziamento erogato: Euro 138.210,00

Il progetto HPSWFood si pone l’obiettivo di verificare l’efficacia di processi di trattamento con alte pressioni per l’inattivazione in acqua di virus umani di interesse per la trasmissione attraverso alimenti (inclusa l’acqua per uso alimentare), al fine di garantire una maggiore sicurezza del consumatore, sviluppando, al contempo, approcci analitici per la rilevazione rapida dei contaminanti virali.

 

Link: 

POR Lazio FESR Italia 
European Regional Development Fund