PROGETTI

AdeRenza dIetA MediteraNea iN itAlia (ARIANNA)

IL PROGETTO ARIANNA

 

BACKGROUND: La dieta mediterranea (MD) è un pattern alimentare caratterizzato da un frequente consumo di olio di oliva, spezie, legumi, pesce, frutta e verdura e un moderato consumo di cereali integrali. La MD deve questo nome al medico fisiologo Ancel Keys, che alla fine degli anni ’50 durante un viaggio nel Cilento e nell’isola di Creta, notò che il regime alimentare seguito in queste regioni, era associato con una minor frequenza di eventi cardiovascolari e una maggior longevità della popolazione. La DM si accompagna anche ad abitudini e stili di vita caratterizzati dalla convivialità e condivisione dei pasti, ricette legate alla tradizione e uno stretto legame tra produzione delle materie prime e tradizione.

Nel corso degli anni, si sono accumulate numerose e significative evidenze epidemiologiche sugli effetti della DM su outcomes di salute. E’ ormai consolidato nella letteratura scientifica che la DM è associata ad una minor prevalenza di obesità e un minor rischio di eventi cardiovascolari, neoplasie, diabete di tipo 2, sindrome metabolica, rispetto allo stile di dieta occidentale. Inoltre, la DM riduce la mortalità per tutte le cause.

La produzione dei cibi che compongono il pattern dietetico mediterraneo è molto più sostenibile di quella degli alimenti di origine animale, dal momento che richiede meno acqua, meno terreno e produce meno emissione di gas serra.

Recenti report della letteratura scientifica hanno dimostrato che la popolazione italiana non segue più un pattern dietetico mediterraneo, soprattutto gli adolescenti. Infatti le persone in questa fasce di età iniziano a consumare pasti fuori dalla famiglia, con i pari età, e le loro scelte alimentari sono sempre più “occidentalizzate”e “globalizzate”. I due studi disponibili sulla popolazione italiana hanno riportato rispettivamente che solo il 5% dei bambini delle elementari ed il 16% di studenti liceali presentano una buona aderenza alla DM.

Questi studi sono stati eseguiti su un numero ridotto di bambini e in setting regionali molto limitati Inoltre, non si conoscono le esatte dimensioni dell’abbandono della DM e soprattutto non si conoscono quali fasce di età presentano questo fenomeno in maniera più marcata su scala nazionale.   

Le attività di questo progetto si integrano con i lavori del Tavolo tecnico “Tavolo Italia Decade per la nutrizione”, che ha l’obiettivo, fra gli altri, di realizzazione documentazione scientifica di supporto per la promozione del la Dieta Mediterranea, come modello delle diete tradizionali, che possa essere considerata uno strumento di sanità pubblica per la prevenzione delle malattie croniche trasmissibili e strumento per la prevenzione del triplo burden della malnutrizione.

Scopo del presente progetto è quello di valutare l’aderenza alla dieta mediterranea attraverso sistemi di score validati e descritti in letteratura scientifica, nelle diverse fasce di età della popolazione italiana.