Telefono Verde AIDS e IST, un bilancio della prima settimana di dicembre

ISS, 21 dicembre 2018

Dal 1 dicembre – Giornata Mondiale di Lotta all’AIDS – al 7 dicembre 2018 sono pervenute al TV AIDS e IST 800 861061 394 telefonate: di queste il 63,2% sono prime telefonate. Nel 50% dei casi le telefonate sono pervenute dalle Regioni del Nord Italia, seguite da quelle del Centro (29%), del Sud (17%) e delle Isole (4%). Scendendo nel dettaglio, l’analisi della provenienza delle telefonate per province evidenzia che oltre la metà di queste provengono da 10 differenti province.

Hanno avuto accesso al TV AIDS e IST persone per lo più di nazionalità italiana, solo in 11 telefonate, pari al 2,8% del totale delle telefonate pervenute, gli utenti hanno dichiarato di essere stranieri. Su 394 telefonate l’84% degli interventi di counselling ha riguardato uomini, nel restante 16% si è trattato di donne. Il 67% delle telefonate è stato effettuato da persone utenti con non più di 39 anni. I giovanissimi e i giovani fino a 24 anni hanno rappresentato il 12,9% del campione.

Nel 72,1% dei casi le persone si sono dichiarate eterosessuali, mentre in una proporzione pari al 7,1% si è trattato di omo-bisessuali. Una proporzione pari a quasi un quinto è costituita da soggetti che, da quanto affermato, non hanno avuto direttamente alcun fattore di rischio: si tratta di cittadini, genitori, insegnanti, operatori sanitari, volontari presenti sia nelle strutture pubbliche, sia nelle organizzazioni non governative.

Sono 7 (1,8%) le persone HIV positive, le quali hanno avuto accesso al Servizio dall’1 al 7 dicembre.

In merito all’esecuzione del test HIV è stato possibile rilevare che nel 56,2% dei casi la ricerca degli anticorpi anti HIV non sia mai stata eseguita. Nel 25,2% delle telefonate le persone-utenti hanno riportato di aver effettuato il test HIV una volta, mentre nel 18% delle telefonate il test è stato eseguito più volte. In due telefonate la persona-utente ha riferito di essere un donatore di sangue.

Gli interventi di HIV/AIDS/IST Counselling telefonico hanno riguardato 1.368 quesiti, di questi oltre il 63% dei casi ha avuto come focus due aree strettamente interconnesse: le modalità di trasmissione dell’HIV, nonché i percorsi e le strutture pubbliche più adeguate alle quali rivolgersi al fine di effettuare gli opportuni esami diagnostici. In più di una telefonata su dieci il colloquio di counselling telefonico ha riguardato aspetti psicosociali. Le telefonate dalle quali emerge con forza la disinformazione dell’utente rappresentano l’8,6% dei casi, evidenziando che permangono ancora forti, nell’immaginario collettivo, paure infondate relativamente alla trasmissione dell’HIV.

Per quanto riguarda il Sito www.uniticontrolaids.it, che quotidianamente integra l’attività del Telefono Verde AIDS e IST, nel periodo 23 novembre – 7 dicembre 2018, ha ottenuto 15.954 sessioni e 40.989 visualizzazioni di pagina con un picco di 2.661 sessioni nella giornata del 2 dicembre.

Allegati

Commenti chiusi