Speciale COVID-19

Varianti del virus

Cosa fa l'ISS

null Online il secondo bollettino sulla distribuzione delle varianti in Italia

Iss 16 giugno 2021 - È online il secondo bollettino su “Prevalenza e distribuzione delle varianti del virus SARS-CoV-2 di interesse per la sanità pubblica in Italia”. Il rapporto integra i dati sulle varianti del virus di interesse per la sanità pubblica circolanti in Italia provenienti dall’indagine rapida di prevalenza condotta dall’Iss in collaborazione con Fondazione Bruno Kessler e Ministero della Salute, con quelli sulla distribuzione delle stesse varianti riportata dalle Regioni e Province Autonome (PA) e dal Laboratorio nazionale di riferimento per SARS-CoV-2 dell’Istituto Superiore Sanità nel Sistema di Sorveglianza Integrata COVID-19.

Nel periodo dal 28 dicembre 2020 al 6 giugno 2021 sono stati segnalati al Sistema di Sorveglianza Integrata COVID-19 un totale di 28.426 casi di infezione da virus SARS-CoV-2 con genotipizzazione tramite sequenziamento su un totale di 2.144.055 casi riportati (pari quindi a 1,33%).

  • la variante alfa (lignaggio B.1.1.7) è la più diffusa in Italia (88,1%)

  • La variante gamma (lignaggio P.1) ha una diffusione maggiore in alcune Regioni/PPAA italiane.

  • La prevalenza di altre varianti del virus SARS-CoV-2 di interesse per la sanità pubblica è <1% nel nostro paese, ad eccezione della variante eta (lignaggio B.1.525, 1,19%).

  • Casi associati a varianti kappa e delta (lignaggio B.1.617.1/2) sono rari, tuttavia si segnala un recente aumento nella frequenza e diffusione di queste segnalazioni sul territorio nazionale. Inoltre, la maggior parte di essi appartengono alla variante delta.